Rammendi Librino?

di Radio Zammù

G124 è il progetto voluto dall'architetto Renzo Piano per occuparsi delle periferie che rappresentano la città del futuro. Gli architetti selezionati hanno lavorato a Torino, Roma e Catania. Nella città etnea hanno scelto di occuparsi di Librino, ascolta la loro esperienza e il rammendo che hanno proposto

«Ci manda Renzo Piano». Roberta Pastore e Roberto Corbia sono i due giovani architetti incaricati dal senatore a vita e archistar genovese di un’operazione di ricucitura urbana nell'area della ex-città satellite catanese, compresa tra il campo San Teodoroliberato dall’associazione Briganti – e la scuola Vitaliano Brancati.

In una puntata speciale di Post-it, ci raccontano l’origine e il percorso di questa proficua attività di urbanistica partecipata denominata G124 - dal numero della stanza di Renzo Piano al Senato - gli obiettivi che intendono raggiungere e il segno fisico che lasceranno nel quartiere al termine del progetto. Ma anche le loro emozioni, gli incontri, e la scoperta di un luogo privo della più essenziale normalità, visto attraverso gli occhi dei bambini.

Al loro fianco il professore Carlo Colloca, docente di Sociologia urbana nel dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università di Catania, che ha accompagnato il percorso progettuale di BAL - buone azioni per Librino, preoccupandosi che questo laboratorio continui a vivere dopo questa esperienza.