Indiegeno Fest 2015: «facciamo conoscere le cose belle che nascono in Sicilia»

di Barbara Oliveri

Dentro a questo generatore di musica indipendente, si definisce così il festival arrivato alla seconda edizione, ci sono Niccolò Fabi & Gnuquartet, Colapesce, Levante, Dimartino e Tommaso Di Giulio. Abbiamo parlato con Alberto Quartana, il direttore artistico. Riascolta l'intervista

Tredici agosto, Teatro Greco di Tindari: l'Indiegeno Fest spegne già due candeline e accende i motori per la sua seconda edizione. «Dal punto di vista organizzativo è tutto pronto, adesso stiamo lavorando sulla promozione sia sul web che sul cartaceo», spiega Alberto Quartana, il direttore artistico. Anche quest'anno la line up profuma di zagara e marzapane: «ci riproponiamo ogni anno di portare artisti siciliani... Colapesce, Levante e Dimartino sono esempi di belle cose che nascono in Sicilia».

La cifra stilistica del festival, lo scatolone dentro al quale troviamo sempre i dischi giusti, è quindi la musica di qualità. Ogni artista farà il suo concerto completo, quindi si inizia molto presto, l'apertura dei cancelli è prevista per le 18.30, e «la scenografia la fa quello che c'è: un panorama meraviglioso». Indiegeno Fest diventa così anche «occasione per far conoscere le bellezze archeologiche che abbiamo». Insomma, ci si fa un giro tra le rovine greco-romane di Tindari, ci si fa raccontare le leggende sulla spiaggia di Marinello e poi la sabbia ancora nelle scarpe e la musica dal vivo al Teatro Greco. Non pensateci troppo su, arrivare è facile: «le info su come arrivare e su come trovare dove dormire sono tutte sulla pagina Facebook Indiegeno».

25 luglio 2015
00:08:17