Hipster Dixit, remix is better

di Barbara Oliveri

C'Ŕ del funky nell'aria, dei remix dentro al lettore cd. Ci sono i Justice, La Roux, i Cassius, ma anche i Kaiser Chiefs e i Black Keys

I Knocks aprono la puntata con il remix di Pumped up Kicks, dei Foster the people. Dopo la tutt'altro che conventional novitÓ, andiamo sulla pi¨ familiare, quindi rassicurante, Toop toop dei Cassius ed Ŕ giÓ elettronica e French touch. I synth distintivi dei Justice si fanno sentire in D.A.N.C.E. e ci riportano ai bei vecchi tempi (ogni hipster che si rispetti lo sa) di Cross.

C'Ŕ anche posto anche per gli inglesi Kaiser Chiefs, che, arrivati al loro quinto album hanno sfornato un singolo (Meanwhile up in heaven) sempre accattivante e decisamente pi¨ fruibile rispetto alle tracks degli esordi, una di quelle radio edit che si possono definire rock entry level. Imogen Heap apre la seconda mezz'ora del programma con la sua Run-time, estratta da Sparks, quarto album da solista, definito źa flash in the pan╗, un fuoco di paglia, perchÚ pare non brilli per originalitÓ: dalla cantante inglese ci aspettavamo tutti un po' di pi¨.

Con Trying to be cool, canzone dei Phoenix remixata dal francese Breakbot, ritornano il French touch che ci aveva fatto battere il piede a tempo dall'inizio della puntata e un basso slappato che fa tanto funky. Uptight Downtown Ŕ il disco che ci porta verso la fine della puntata, e che ha portato tanta fortuna a La Roux, la rossa che ci aveva colpito nel 2009 con il suo primo album. Ha da poco inciso Trouble in Paradise, il suo secondo lavoro dal quale esce fuori, appunto, Uptight Downtown. Molto anni '80, la rossa Ŕ cresciuta, e ci piace, definitely.

Chiudiamo con il rock un po' cupo dei Wild Beasts e la loro Wanderlust, singolo trainante di Present Tense e ci salutiamo con il synth electro di Envy, l'ultima dei Breton.

18 settembre 2014
00:53:00