Ferrentino: «Alla base di tutto ci sono le regole»

di Benedetta Intelisano

Sergio Ferrentino per anni è stato direttore dei programmi di Radio Popolare, poi ha inventato Caterpillar e mille altri programmi, adesso con Fonderia Mercury si occupa di audiodrammi coniugando drammaturgia radiofonica, teatro e web. Al Fru è intervenuto alla conferenza di apertura L’evoluzione della radio: i nuovi modi di comunicare e l’avvento del web

Un intervento per niente banale quello di Sergio Ferrentino che ha strigliato i giovani delle emittenti universitarie, spingendoli a fare i conti con tutto ciò che di nuovo può scaturire dal rapporto tra radio e web, valorizzando il patrimonio della radiofonia attraverso internet.

«Sperimentazione potete farne a tonnellate – ha riconosciuto -. Alla base della radiofonia, però, ci sono delle regole molto antiche legate, ad esempio, all’uso del tono, della parola, dei ritmi, alla costruzione di immagini acustiche. Qualcuno ve ne ha mai parlato?». E poi, sempre provocatoriamente, ha chiesto ai suoi interlocutori:« Voi che aspirate a fare radio… avete qualcosa da raccontare o volete limitarvi a raccontare la realtà? »

Coordinamento giornalistico:  Mariano Campo.


Vedi anche

18 giugno 2014
111