Colapesce: «Egomostro, una brutta costruzione nell'anima»

di Barbara Oliveri

Domani, giovedì 19 febbraio, Colapesce presenterà il suo nuovo lavoro a LaFeltrinelli di Catania con un live intimista e minimal. Quello più elettronico sarà sabato 21, al MA - Musica e arte. Il cantautore ci ha anticipato qualcosa, leggi e ascolta l'intervista

Lorenzo Urciullo, in musica Colapesce, è arrivato al secondo disco, Egomostro: «un disco più personale, più siciliano, più elettronico - dice Lorenzo - un'elettronica organica però, che non è troppo glaciale, ma ben integrata con gli strumenti acustici». La registrazione lo ha impegnato per quasi un anno, mentre la scelta dei testi è stata più faticosa, una vera e propria selezione fra trenta pezzi in totale. Con questo disco Lorenzo si è guardato dentro, e dice di aver trovato parecchi mostri. Parla delle ansie e delle relazioni sociali, dei micro-successi ingigantiti con Facebook & Co, è autobiografico, ma ritaglia sullo sfondo di una copertina (magari del tuo vinile preferito), una figura che somiglia un po' a tutti noi, in fondo. Prendi Dopo il diluvio, ad esempio. È un omaggio a After the flood dei Talk Talk (inglesi, adoravano i sintetizzatori e andavano fortissimo negli Eighties), ma è prima di tutto «un'esperienza personale, l'analisi di un rapporto filtrato dall'egomostro, appunto», per tornare a quello che è il tema principale che lega tutte le tracce. Egomostro è quindi un concept album, «il concetto è costruzioni brutte dentro all'anima», così com'è un ecomostro un edificio brutto in mezzo al verde. E, fermi tutti! No, non ci sono gli sconti da Zara, ma Lorenzo presenta il suo album domani, alle 18.30 a La Feltrinelli, qui a Catania, e sabato 21 attacca la spina alla chitarra e ai sintetizzatori, al Ma - Musica e arte.

La playlist immancabile nel lettore emmepitrè di Lorenzo? After the flood – Talk Talk, Yet again – Grizzly Bear, Damon Albarn, qualsiasi traccia. Visto? Non siamo sempre gli ultimi a sapere le cose. Però siamo ancora in cucina a mangiare una mela. Maledetti italiani!

18 febbraio 2015
00:19:15